Primo appuntamento? Niente paura se seguirete questi consigli

Ansia da primo appuntamento? Niente paura, se seguirete i nostri consigli non sbaglierete le mosse per assicurarvi un secondo incontro. Ecco qui cosa c’è da sapere sul primo appuntamento!

Finalmente ha detto sì! Il ragazzo che da tempo vi piace, ha accettato di uscire con voi. Primo appuntamento? Niente paura! Ora è il momento di rimanere lucide e serene. Tutto deve essere perfetto, è vero, ma non esagerate.. troppa perfezione potrebbe far pensare ad una finzione eccessiva.

Per cui, rimanete calme e pensate sempre che anche dall’altra parte ci sarà qualcuno che esattamente come voi, sta vivendo di ansie, di dubbi, di punti interrogativi. Nessuno è immune all’ansia del primo incontro, statene certe. Mettete in conto i momenti di imbarazzo, quelli di silenzio e qualche possibile figuraccia.. ora però cerchiamo di capire come salvare eventualmente la situazione ed avere un secondo appuntamento.

Il primo consiglio che ci sentiamo in dovere di darvi, è quello di provare a rimanere lucide e con la mente ferma. E’ risaputo che le figuracce ‘migliori’ si facciano quando siamo in preda all’ansia più totale. Quindi anche se sarà molto complicato, cercate di vivere pensando con lucidità a quell’incontro.

Un altro non banale e fondamentale consiglio è quello di ‘disconnettersi’. La vita social lasciatela da parte per un momento. Nessuno apprezzerebbe di vivere un primo appuntamento tra un cellulare ed una notifica di Facebook. Oltre ad essere di cattivo gusto è anche una pecca non da poco. Usare il cellulare durante il primo appuntamento, creerebbe imbarazzo e forse la possibilità di un secondo incontro, si allontanerebbe.

Riscoprirsi intimi. Durante una prima uscita, potrebbe giocare a vostro vantaggio trovare dei legami mentali con il vostro partner. Argomenti in comune, raccontare qualcosa di personale e riscoprirsi intimi e vicini, potrebbe far scattare un legame inaspettatamente positivo.

Usare un tono di voce adeguato. Certamente per un primo incontro, sarebbe consigliabile usare un tono di voce che sia piacevole da ascoltare e che resti impresso nella mente dell’altra persona. No a risate fragorose, a picchi di voce alta e utilizzo di parolacce o frasi spinte: ricordate che non sapete chi avete davanti.

Non siate glaciali nei movimenti. Usate una gestualità naturale e non plastica. Sedetevi comodamente ma non come se foste a casa vostra. Incrociate le gambe e tamburellate con le dita sul tavolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.